Author

88 posts

Laboratorio L’Acqua nascosta

I ragazzi tramite sperimentazione diretta potranno capire come le azioni sono indispensabili per prevenire un consumo d’acqua eccessivo.
Per esempio: quanti litri spreco se mi lavo i denti col rubinetto aperto?
Sono in grado di cambiare una guarnizione al rubinetto che perde?
è meglio fare la doccia o il bagno?
 laviamo i denti rubinetto rotto rubinetto i personaggi guarnizione gioco alby

Read more about ..

visualizza catalogo

CATALOGO_SECONDARIE_2019_2020[1] 

ProteusLab & Parco Valle del Lambro

Da oramai diciannove anni il Parco Regionale della Valle del Lambro propone alle scuole una variegata offerta di attività educative e formative, a cui partecipano ogni anno migliaia di studenti.
Ecco le attività didattiche proposte in collaborazione con Proteus
SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

 

http://www.parcovallelambro.it/progetti-la-scuola-secondaria-i-grado

 

Equilibrio e dissesto del territorio

La Terra trema, ma noi rimaniamo calmi!

La Terra dai satelliti, che panorama!

Il Cavo Diotti, la diga più antica d’Italia, racconta…

Nature is back! Il ritorno della Natura

L’acqua nascosta 

Studiare l’Oasi di Baggero con robot e smart phone 

Dal ghiaccio, al mulino al cemento, il territorio che cambia

 

 

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO

 

http://www.parcovallelambro.it/area-tematica-terra-secondaria-ii-grado

 

Equilibrio e dissesto del territorio

Il Cavo Diotti, la diga più antica d’Italia, racconta

La Terra trema, ma noi rimaniamo calmi!

La Terra dai satelliti, che panorama!

Nature is back! Il ritorno della Natura

Studiare l’Oasi di Baggero con robot e smart phone

Dal ghiaccio, al mulino al cemento, il territorio che cambia 

 

Alcune di queste attività sono fattibili anche con le scuole primarie di primo e secondo grado –  Per informazione sui contenuti info@assoproteus.it

 

 

 

 

 

Da quest’anno, la pre-iscrizione deve essere effettuata tramite il form apposito, raggiungibile dal link presente sulla pagina del progetto scelto

 

 

 

16 novembre

Sabato 16 novembre alle 15.30
Presso la sede dell’associazione Proteus in Viale Geno 14 a Como
Lettura del libro “La cura del ghiro” incontro con l’illustratrice Silvia Molteni e laboratorio di acquerello .
5 euro a partecipante, con iscrizione entro il 12 novembre inviando mail all’indirizzo avocealtacomo@gmail.com
Minimo 6 partecipanti.
Iniziativa adatta da 5 a …99 anni, con proposte diverse a seconda dell’età!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Escursione Parco Valle del Lanza. http://www.parcovallelanza.com

Il territorio del Parco si sviluppa principalmente attorno all’asta fluviale del torrente Lanza, che attraversa tutto il parco dal confine con il Canton Ticino a nord-est fino all’immissione nell’Olona a sud-ovest, tagliando una stretta valle all’interno di un territorio prettamente collinare. Nella parte settentrionale spiccano i due principali rilievi, a Rodero il colle di San Maffeo (515 m s.l.m.) e a Bizzarone il Colle dell’Assunta (533 m s.l.m.), cui fa da contraltare il sistema dei monti Casnione e Morone (rispettivamente 492 m s.l.m. e 498 m s.l.m.) nella parte centro-meridionale.
Abbiamo percorso il fondovalle e visitato il Mulino Del Trotto Cagno https://www.fondoambiente.it/luoghi/molino-del-trotto con Fabio Facetti Guardia Ecologica Volontaria del Parco. #GEV

Il Molino del Trotto posto nel territorio di Cagno si trova all’interno del Parco Valle Lanza. Funzionava con tre ruote che alimentavano 6 macine , tuttora visibili e in buono stato di conservazione, alimentate da una roggia derivata dal fiume Lanza. Il primo proprietario di cui abbiamo notizia è il tradatese Francesco Pusterla, che secondo un estimo rurale del 1592 acquistò l’edificio con annessi terreni coltivati a vite e a foraggio. Verso la metà del ‘600 risulta affittuario del mulino Antonio Mina, detto “il Trotto”, esponente di un’intera famiglia di mugnai, che esercitarono l’attività fino al secolo scorso; dal suo soprannome è derivato quello del mulino stesso. Adagiato in posizione amena sul corso del fiume, distante dai centri abitati sia di Cagno che di Cantello e Malnate, il mulino ricevette la corrente elettrica solo negli anni cinquanta. Oggi il mulino e gli edifici adiacenti sono stati in parte ristrutturati, conservandone con attenzione il primitivo aspetto di piccolo borgo; all’interno si possono ancora osservare i vecchi macchinari per macinare e separare le granaglie oltre che una raccolta di vecchie attrezzature ed utensili dell’arte contadina. Una parte, da poco rinnovata, è utilizzata come ostello oltre che punto informativo del Parco. Da qui, in pochi minuti, si possono facilmente raggiungere le vicine e suggestive cave di arenaria di Cagno e Malnate. Nel 1912 vide la nascita di Felice Mina che, con Manzù, Messina e Marini è considerato uno tra i più grandi scultori figurativi del 900 italiano. Il suo stile sobrio ed elegante si ispira ai canoni classici dell’arte, ma fu anche fine medaglista oltre che pregevole interprete di arte sacra. Tra le sue opere, il crocifisso portato da papa Paolo VI nelle Filippine e la medaglia commemorativa della NASA portata dall’Apollo VIII nella prima circumnavigazione della Luna. A ricordo della sua attività artistica è possibile ancora ammirare, incastonati nei muri perimetrali alcune sue opere significative.
Poi abbiamo proseguito per la visita all’Incubatoio Ittico Valmorea https://www.aps-como.it/incubatoio-semine-censimenti-lago-como/  con Giuseppe Sassi dell’Associazione Pesca Sportiva #Como.

Volete organizzare una gita come questa?
Scriveteci  info@assoproteus.it

 

mulino2 provincia mulinoFabio Facetti al Mulino

Con occhi nuovi questo è quello che dovete fare per leggere e comprendere il nuovo catalogo di offerte didattiche di ProteusLab. Sulla home del nostro sito potete leggere il documento Istruzioni e poi scegliere il modulo che vi interessa.
Siamo a vostra disposizione per informazioni. In questo periodo di fermento #ambientale nelle piazze e tra gli studenti è opportuno offrire argomenti giusti, con strumenti all’avanguardia e comunicazione adeguata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

visualizza il catalogo

 

unnamed

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Presso La Casa del Lago – Museo ed Educazione Ambientale

Nuovo percorso di educazione ambientale al Museo La Casa del Lago di Verbania‼
VERBANOPLASTIK: IL VIAGGIO DELLE MACRO E MICROPLASTICHE

Un laboratorio dedicato all’inquinamento da plastiche e microplastiche, tema che sta conquistando l’attenzione di studiosi, media e pubblico in tutto il mondo.
Attraverso un’uscita di monitoraggio in riva al lago e un’attività nel laboratorio, scopriremo con l’uso di strumentazione app e video come si muove la plastica in acqua dolce e da dove proviene. Troveremo soluzioni tra comportamenti individuali e scelte globali?
Durata: mezza giornata
Secondo ciclo della scuola primaria e scuola secondaria di primo grado
Scuola secondaria di secondo grado
Periodo consigliato: tutto l’anno
Scriveteci per maggiori informazioni e per prenotare il vostro laboratorio #educazioneambientale #coopvalgrande #proteus #lacasadellago

 

Verbanoplastic

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

23/10/2019

 

È partito l’anno per le celebrazioni del 100 anni dalla nascita di Giani Rodari!

 

Como nel comò

Una volta un accento
per distrazione cascò
sulla città di Como
mutandola in comò.

Figuratevi i cittadini
Comaschi, poveretti:
detto e fatto si trovarono
rinchiusi nei cassetti.

Per fortuna uno scolaro
rilesse il componimento
e liberò i prigionieri
cancellando l’accento.

Ora ai giardini pubblici
han dedicato un busto
“A colui che sa mettere
gli accenti al posto giusto.”


Storie, filastrocche, articoli di approfondimento, materiali scaricabili per insegnanti, poster stampabili, quiz e tanto altro per un anniversario speciale che, proprio per questo, prende il via un anno prima con protagonista assoluta la fantasia. E’ quello per i cent’anni dalla nascita di Gianni Rodari che si festeggiano il 23 ottobre 2020. Ma tra pochi giorni, proprio il 23 ottobre, parte il countdown in vista delle celebrazioni su www.100giannirodari.com  scandito da nuove pubblicazioni e iniziative. Gli eventi sono nel segno di quello che Rodari – vincitore nel 1970 del Premio Hans Christian Andersen, considerato il Nobel della letteratura per l’infanzia – auspicava: “Tutti gli usi della parola a tutti”, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo. A inaugurare ‘100 Gianni Rodari’ (#100giannirodari) sono le Edizioni EL, Einaudi Ragazzi, Emme Edizioni che, in quanto editori unici dell’opera del Maestro della Fantasia – nato a Omegna, sul Lago d’Orta, il 23 ottobre 1920 e morto a Roma il 14 aprile 1980 – hanno messo in cantiere una serie di nuove, preziose edizioni e mostre dei migliori artisti che hanno illustrato i libri dell’autore di ‘Grammatica della fantasia’, in allestimento in Italia e all’estero, con partner come la Fiera di Bologna e gli Istituti di cultura italiana nel mondo. Tra i primi titoli ad arrivare in libreria, il 5 novembre, ‘Cento Gianni Rodari – Cento storie e filastrocche – Cento illustratori’ (Einaudi Ragazzi), per i bambini dai 6 anni, che raccoglie cento tavole realizzate da alcuni tra i migliori illustratori al mondo che hanno scelto ognuno la propria favola o filastrocca di Rodari preferita, in omaggio al più grande autore italiano per ragazzi, E poi la strabiliante avventura del trenino più amato d’Italia, ‘La Freccia Azzurra’ (Einaudi Ragazzi), con l’inedita introduzione di Neri Marcorè, tra i grandi fan di questa moderna fiaba sull’amicizia e la solidarietà diventata anche un film d’animazione, e le nuove illustrazioni per il centenario di Camilla Pintonato. Sono da poco arrivati in libreria anche gli albi, dai 4 anni, ‘L’omino di niente’ (Emme Edizioni), tratto da ‘Favole al telefono’, pubblicato per la prima volta nel 1962, con illustrazioni di Olimpia Zagnoli, e ‘Bambini e Bambole’ (Emme Edizioni), la filastrocca tratta da ‘Il libro degli errori’, dove troviamo il Rodari politico e poeta, con le nuove illustrazioni di Gaia Stella. Alla Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi di Bologna 2020, che sarà un po’ tutta nel segno di Rodari, la mostra delle “Eccellenze italiane” sarà dedicata ai 21 migliori illustratori italiani di rilevanza internazionale che hanno illustrato Rodari, tra i quali spiccano Bruno Munari, Emanuele Luzzati, fino ai più recenti Manuele Fior, Beatrice Alemagna e le stesse Gaia Stella e Olimpia Zagnoli. La mostra, che ha appena iniziato a fare il giro del mondo grazie agli Istituti di cultura italiana all’estero, ha recentemente fatto tappa a Portland ed entro dicembre sarà a San Francisco. Nello speciale calendario di ‘100 Gianni Rodari’, oltre a questi eventi hanno preso avvio letture, seminari e rappresentazioni teatrali ispirati all’opera del poeta e scrittore che ci ha insegnato che la fantasia rende liberi, su iniziativa di privati, associazioni, enti, festival. Tutti verranno segnalati sul sito che vuol essere un dinamico punto di riferimento. ‘100 Gianni Rodari’, spiegano i promotori dell’iniziativa, “è anche un’esortazione: a moltiplicare per 100 la circolazione delle sue storie, a celebrare e diffondere i contenuti rivoluzionari della sua poetica, a formare una nuova generazione di piccoli, appassionati lettori tramite i suoi libri divertenti e profondi: ‘Favole al telefono’, ‘Filastrocche in cielo e in terra’, ‘Fiabe lunghe un sorriso’, ‘Il libro degli errori’, ‘Le avventure di Cipollino’, ‘C’era due volte il Barone Lamberto'”. Insegnante elementare per alcuni anni, Rodari è stato anche giornalista fra l’altro per ‘L’Unità’, il ‘Pioniere’ e ‘Paese Sera’ e ha cominciato a pubblicare i suoi libri per ragazzi a partire dagli anni Cinquanta, ottenendo subito un enorme successo di pubblico e critica con traduzioni in tutto il mondo. Dagli appunti raccolti in una serie di incontri nelle scuole, ha visto la luce, nel 1973, ‘Grammatica della fantasia’, diventata immediatamente un punto di riferimento.

 

rodari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

16 ottobre 2019

 

Il futuro è cultura… la cultura ha futuro!

Corso di alta formazione di Fondazione Enaip Lombardia sede di Enaip Como :
“Organizzazione e gestione di eventi per il turismo culturale”
Il corso di 800 ore (di cui 320 di stage) è gratuito grazie al sostegno del Fondo Sociale Europeo e di Regione Lombardia Avvio previsto il 30 ottobre 2019.
La sede del corso è a Como.

Come far conoscere e rendere fruibile questo patrimonio culturale? Le risposte sono molteplici, ma una chiave del loro successo sta nel creare forme di comunicazione ed eventi che invitino il turista di oggi a vivere questi luoghi con lo spirito del viaggiatore di un tempo.
Questa è una delle filosofie che animerà il corso di alta formazione tecnica “Organizzazione e gestione di eventi per il turismo culturale” promosso dalla Fondazione Enaip Lombardia, nella sede di Como. Il corso si rivolge a diplomati e laureati, disoccupati, non ancora trentenni, e punta a favorire un loro rapido inserimento occupazionale. Punti di forza del progetto sono la profonda conoscenza del territorio, professionisti capaci di valorizzarla in chiave turistica e una metodologia formativa basata sullo studio di casi di successo, su gruppi di progetto per commesse reali e su project work individuali. Il corso, di 800 ore (di cui 320 di stage), è gratuito, grazie al sostegno del Fondo Sociale Europeo e di Regione Lombardia.

Per informazioni contattare lo 031 30 20 75 (chiedere di Roberto Morselli) o scrivere a como@enaiplombardia.it

enaip (1)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

14/10/2019

 

Oggi è la giornata mondiale dell’educazione ambientale.
Noi la festeggiamo ricordando gli inizi di #Proteus #20anni.
Alla scoperta dei segreti del Lario.

 

INIZIO_14_10_1999

Chi ha rubato l’alborella?

Novità: gioco didattico

Dalla collaborazione con Alessandro Dominioni Editore e da un’idea di Alessio Rimoldi, nasce il gioco didattico “Chi ha rubato l’alborella?”
Conoscere le abitudini, le curiosità e l’aspetto dei nostri pesci non è mai stato cosi divertente.Nato da una acuta reinterpretazione di un gioco dei ” vecchi tempi”, questo supporto didattico intende presentare gli abitanti del nostro lago nelle loro caratteristiche trofiche, ponendoli in relazione tra loro e con l’ambiente stesso. Un supporto dalla doppia valenza: quella osservativa e di semplice conoscenza visiva (che lo rende per questo adatto anche ai più piccoli), e quella di approfondimento alla quale potrete accedere consultando il QR CODE, presente sulle carte, in cui viene spiegato il ruolo del pesce nella rete alimentare del lago e la sua attuale condizione di conservazione.Questo approfondimento, studiato da Proteus, è stato pensato per alunni delle scuole primarie: un valido supporto trasversale tra l’ecologia, la biologia e la conoscenza del territorio.Con questo simpatico gioco i pesci si presentano, e ci fanno anche sapere che le alborelle stanno scomparendo dai laghi e dai fiumi prealpini. Il gioco è disponibile in acquisto presso Proteus, oppure presso la libreria Alessandro Dominioni Editore.

[sharify]

Chi ha rubato l’alborella?

Novità: gioco didattico

Dalla collaborazione con Alessandro Dominioni Editore e da un’idea di Alessio Rimoldi, nasce il gioco didattico “Chi ha rubato l’alborella?”
Conoscere le abitudini, le curiosità e l’aspetto dei nostri pesci non è mai stato cosi divertente.Nato da una acuta reinterpretazione di un gioco dei ” vecchi tempi”, questo supporto didattico intende presentare gli abitanti del nostro lago nelle loro caratteristiche trofiche, ponendoli in relazione tra loro e con l’ambiente stesso. Un supporto dalla doppia valenza: quella osservativa e di semplice conoscenza visiva (che lo rende per questo adatto anche ai più piccoli), e quella di approfondimento alla quale potrete accedere consultando il QR CODE, presente sulle carte, in cui viene spiegato il ruolo del pesce nella rete alimentare del lago e la sua attuale condizione di conservazione.Questo approfondimento, studiato da Proteus, è stato pensato per alunni delle scuole primarie: un valido supporto trasversale tra l’ecologia, la biologia e la conoscenza del territorio.Con questo simpatico gioco i pesci si presentano, e ci fanno anche sapere che le alborelle stanno scomparendo dai laghi e dai fiumi prealpini. Il gioco è disponibile in acquisto presso Proteus, oppure presso la libreria Alessandro Dominioni Editore.

[sharify]

Servizio al tg1 sul nostro Lake watching!

3 novembre: Proteus in diretta al tg1

Grande successo per Proteus ed il progetto Lake watching: servizio dedicato al tg1 con protagonista il nostro Lago, il suo futuro e le tecnologie in essere per studiarlo e monitorarlo.
Enorme la soddisfazione scaturita in noi al momento della richiesta del servizio: il nostro Lake watching approda sulla rete nazionale.
Mobilitate imbarcazioni, associazioni amiche e sostenitrici, idrovolanti e con il sostegno della Camera di Commercio di Como, abbiamo registrato un breve ma denso servizio che mette in luce la grande attenzione che rivolgiamo al nostro territorio. Esperti del settore, idrobiologi e geologi sono intervenuti a completamento della presentazione del “modello Lake watching”.
Una grande tecnologia che vuole aprirsi al grande pubblico, per fare cultura, per creare rispetto e consapevolezza dai più piccini ai più grandi.

[sharify]

Young: orienta il tuo futuro

Dal 15-17 ottobre: Proteus per Young

Anche quest’anno Proteus partecipa a Young, importate fiera per l’orientamento lavorativo dei giovani. In collaborazione con le Camere di Commercio, le associazioni imprenditoriali di categoria della province di Como e Lecco, Young giunge all’ottava edizione.
Due gli eventi in cui potete trovare il supporto dei nostri esperti. Il primo si terrà giovedì 15 ottobre: Luigi Bignami raconta la storia di Paolo Nespoli astronauta ESA, Agenzia Spaziale Europea, con Filippo Camerlenghi per mettere in luce i diversi aspetti della figura dell’astronauta come professionista, ricercatore di nuovi orizzonti di sostenibilità e giovane alla ricerca di se stesso. Seguirà la testimonianza di D-orbit , start up tra le eccellenze dell’industria aerospaziale italiana. Il secondo si terrà venerdì 16 ottobre: testimonianza di Silvio Mondinelli, scalatore di tutti gli 8000 e socio fondatore dell’Associazione di promozione sociale montagna solidale. Con la partecipazione di : Silvio Mondinelli, SIRES srl, Proteus. Per tutte le info sulla fiera: http://www.young.co.it[sharify]

Open day al laboratorio di Proteus

21 settembre: venite a conoscere le nostre attività

In occasione del nostro sedicesimo compleanno, abbiamo pensato di organizzare un open day per festeggiare insieme a voi mangiando una fetta di torta e, a pancia piena, cogliere l’occasione per presentarvi il nuovo catalogo attività didattiche.
Numerose collaborazioni, vecchie e nuove glorie, e tanta voglia di progettare insieme percorsi tematici in base alle vostre necessità. Invitiamo dunque insegnanti e genitori il giorno LUNEDì 21 SETTEMBRE alle ORE 17:00 presso il nostro laboratorio sito in Viale Geno 14 a Como! Venite numerosi, curiosi affamati! E’ gradita la prenotazione a info@assoproteus.it Nel frattempo se volete ricevere informazioni in merito al nostro catalogo attività, scrivete a info@assorpoteus.it[sharify]

Buon compleanno, Proteus!

Tanti auguri Proteus!

Giornata molto importante per Proteus! Oggi il centro di formazione di didattica ambientale festeggia 16 anni di attività!
Numerose collaborazioni, vecchie e nuove glorie, e tanta voglia di progettare insieme percorsi tematici in base alle vostre necessità. Invitiamo dunque insegnanti e genitori il giorno LUNEDì 21 SETTEMBRE alle ORE 17:00 presso il nostro laboratorio sito in Viale Geno 14 a Como! Venite numerosi, curiosi affamati! E’ gradita la prenotazione a info@assoproteus.it Nel frattempo se volete ricevere informazioni in merito al nostro catalogo attività, scrivete a info@assorpoteus.it
[sharify]

La settimana della Terra

Geologia senza essere geologi

Con piacere Proteus rinnova la collaborazione con l’iniziativa ” La settimana della terra” , evento culturale e geologico giunto l suo terzo anno di attività.
L’iniziativa racchiude numerosi interventi sparsi sul territorio italiano con lo scopo comune di avvicinare il pubblico più o meno esperto alle tematiche relative alla geologia. Sono previsti più di 200 eventi, chiamati per l’occasione Geoeventi, che si svolgono nell’arco della settimana di ottobre dal 18 al 25, in diverse località italiane. Proteus propone all’interno dell’iniziativa, due interventi gratuiti che si terranno nel nostro laboratori didattico, sito in Viale Geno a Como : il primo si terrà il 19 ottobre dalle ore 17:00 alle ore 19:30 ed intende aiutare i docenti che devono insegnare le scienze della Terra ma che non hanno una laurea in geologia, a superare difficoltà, errori che derivano da una preparazione polivalente ma non specifica sulla geologia. La scala del tempo, i paesaggi che cambiano, gli esempi, sono tutti aspetti che verranno chiariti, facilitati anche grazie a suggerimenti e “trucchetti ” del mestiere. La conferenza è gratuita ma è necessario prenotare il proprio posto scrivendo a filippo.camerlenghi@assoproteus.it[sharify]

Tour geologico di Como

20 ottobre- Tour geologico di Como

Continua la piacevole collaborazione che lega Proteus all’evento ” La settimana della Terra” , giunto ormai alla sua terza edizione.
L’iniziativa racchiude numerosi interventi sparsi sul territorio italiano con lo scopo comune di avvicinare il pubblico più o meno esperto alle tematiche relative alla geologia. Sono previsti più di 200 eventi, chiamati per l’occasione Geoeventi, che si svolgono nell’arco della settimana di ottobre dal 18 al 25, in diverse località italiane. Il secondo incontro proposto da Proteus è previsto per il 20 ottobre dalle ore 16 alle ore 18:30, con ritrovo presso il Tempio Voltiano, sito a Como in Viale Guglielmo Marconi n°1. vi proponiamo una semplice escursione nel cuore di como per raccontare come i due grandi rilievi che la sovrastano, il Monte Croce e Brunate, abbiano una differenza di età di circa 150 milioni di anni. Costeggeremo il lago e gli faremo gli auguri per i suoi 6 milioni di anni potati bene quindi , tra androni, portali , gradini e banconi dei bar scopriremo le rocce ornamentali che caratterizzano la nostra città. Il tour è gratuito ma è necessario prenotare il proprio posto entro il 16 ottobre scrivendo a filippo.camerlenghi@assoproteus.it[sharify]

Giornata aperta Parco Valle Lambro

26 settembre: Parco Valle Lambro a porte aperte

Vi invitiamo sabato 26 settembre alla giornata aperta del Parco Valle Lambro presso il lungolago di Alserio .+ Sarà questa occasione per partecipare a piacevoli attività per famiglie e conoscere le numerose attività in calendario per l’imminente anno scolastico. Parco Valle Lambro presenterà, tra le altre attività, le proposte per le scuole progettate in collaborazione con Proteus, alcune delle quali finanziate dal Parco stesso. Saremo inoltre presenti con il nostro catalogo attività 2015-2016, pertanto invitiamo insegnanti e genitori interessati a passare a trovarci ! Per info scrivete a info@assoproteus.it[sharify]

Richiedi il tuo catalogo

Disponibile il nostro catalogo attività 2015- 2106

Con la ripresa delle scuole ormai alle porte, lo staff Proteus ha ultimato il Catalogo attività 2015-2016: al suo interno proposte per scuole di ogni grado ed ordine.+ Abbiamo creato un catalogo di facile lettura, suddiviso per gradi di istruzione. Tante le novità proposte, ma sicuramente immancabili i nostri solidi pilastri che incantano ed informano bambini e ragazzi da 16 anni a questa parte. Troverete al suo interno un’ampia proposta aperta alle scuole dell’infanzia con percorsi in cui la spontaneità, la creatività e la manualità condotta la fanno da padrone, per trasmettere semplici tematiche ambientali. Segue una parte relativa alla scuola primaria, la quale presenta laboratori in cui il metodo scientifico guidato ma non indotto è il metodo di analisi prediletto. Chiudiamo con le proposte per le scuole secondarie di primo e secondo ordine, in cui i laboratori hanno la volontà di sensibilizzare verso tematiche ambientali ma anche tecnologiche e perché no, parlando di inserimento lavorativo per i più grandi. Un ventaglio di proposte davvero completo, che esprime a pieno le nostre professionalità e attitudini. Il nostro scopo è da 16 anni la divulgazione. Provare per credere. Siamo lieti di inviare il catalogo a genitori ed insegnanti interessati. Per info scrivete a info@assoproteus.it[sharify]

I satelliti ad EXPO con Proteus

I satelliti per studiare il territorio: Como insegna

E con l’appuntamento di oggi terminano gli incontri tenuti presso EXPO da Proteus in collaborazione con Sistema Como 2015, ESA esrin Frascati e Camera di Commercio Como. + Dopo aver aperto l’importante tema acqua dal punto di vista della pesca sostenibile, discusso in merito all’incidenza della presenza dell’acqua nel territorio, terminiamo i nostri interventi parlando di risorse fondamentali e mezzi per monitorarle su ampia scala. L’incontro nasce grazie alla partnership che lega Proteus ad ESA – Agenzia Spaziale Europea- ed intende presentare mezzi e tecnologie atti alla salvaguardia e al controllo della risorsa acqua. Vi aspettiamo il 31 agosto preso Padiglione Italia Vivaio Scuole dalle ore 16:30 alle ore 18:00. Ringraziamo chi ha già prenotato un posto per presenziare alla nostra conferenza, esaurendo gli ingressi disponibili.[sharify]

EXPO: acqua e territorio

Quello che l’uomo chiama disastro, la natura chiama evoluzione

Siamo pronti per il nostro prossimo intervento ad EXPO in collaborazione con Sistema Como 2015.Tema già preannunciato: il rapporto che lega l’acqua al territorio. + Ci vediamo il 29 agosto presso Padiglione Italia- Vivaio Scuole per discutere di come l’incessabile fluire dell’acqua apporti modifiche al territorio. La penisola italiana ne è esempio concreto, basti pensare, per citare eventi di grande impatto, alle alluvioni che hanno attanagliato la Liguria nel 2011, o alla storica frana avvenuta in Valtellina nel 1987. Territorio alla base delle Alpi, con il suo grande bacino idrografico , risulta essere da esso modificao e plasmato di continuo. Come reagire? Come intervenire? La conoscenza innanzitutto.[sharify]

EXPO: in collaborazione con ESA

I satelliti per studiare il territorio: Como insegna

E con l’appuntamento previsto per il 31 agosto terminano gli incontri tenuti presso EXPO da Proteus in collaborazione con Sistema Como 2015, ESA esrin Frascati e Camera di Commercio Como. + Dopo aver aperto l’importante tema acqua dal punto di vista della pesca sostenibile, discusso in merito all’incidenza della presenza dell’acqua nel territorio, terminiamo i nostri interventi parlando di risorse fondamentali e mezzi per monitorarle su ampia scala. L’incontro nasce grazie alla partnership che lega Proteus ad ESA – Agenzia Spaziale Europea- ed intende presentare mezzi e tecnologie atti alla salvaguardia e al controllo della risorsa acqua. Vi aspettiamo il 31 agosto preso Padiglione Italia Vivaio Scuole dalle ore 16:30 alle ore 18:00. Ringraziamo chi ha già prenotato un posto per presenziare alla nostra conferenza, esaurendo gli ingressi disponibili.[sharify]

Lake watching sul Lago Maggiore

Verbania: il Lago come non lo avete mai visto!

Che successo il Festival dell’acqua di Verbania!Proteus ha partecipato all’evento presentando ad un centinaio di spettatori la tecnologia Lake Watching, permettendo loro di vedere da vicino le meraviglie del Lago Maggiore. + All’interno di una due giorni( 22- 23 agosto) di laboratori, incontri e conferenze pensati per far conoscere i segreti dal Lago e del suo ecosistema, Proteus è intervenuto mettendo in scena l’appuntamento forse più suggestivo dell’intero festival: i nostri subacquei si sono immersi in diretta audio e video nei fondali antistanti Villa Giulia, permettendo agli spettatori, comodamente seduti in Villa, di interagire attivamente con loro. E’ sempre piacevole notare come questa tecnologia riesca a far rivalutare gli ambienti lacustri anche ai più scettici: un’ecosistema fragile, che abbiamo per anni inquinato e sfruttato, è ora in netta ripresa. Conservarlo e farlo conoscere è nostro compito.[sharify]

Expo 29 agosto: ingressi esauriti

In tanti per la seconda giornata ad EXPO

Felici di comunicarvi che, grazie alla vostra assidua presenza agli eventi Proteus, è già terminata la disponibilità di gratuità per la giornata dal tema “Acqua e territorio”.
+ A soli due giorni dalla comunicazione in merito al nostro intervento previsto per il 29 agosto, in più di 30 persone ci avete comunicato la volontà di presenziare. Ringraziamo dunque insegnati e genitori che ancora una volta si sono manifestati interessati alle nostre tematiche, che trattano di natura, attualità e consapevolezza. Per il giorno 31 agosto è previsto il nostro ultimo intervento in collaborazione con Sistema Como 2015: alcuni posti sono ancora disponibili. Se volete prenotare il vostro ingresso scrivete a info@assoproteus.it[sharify]

EXPO: acqua e geologia con Proteus

29 agosto – EXPO: acqua e geologia

Prosegue durante il mese di agosto la felice presenza di Proteus, in collaborazione con Sistema Como 2015, presso EXPO. + Dopo aver aperto con successo la discussione sull’importante tema acqua, vi aspettiamo nuovamente il 29 agosto presso Padiglione Italia, vivaio scuole. L’intervento dal titolo ” Acqua e territorio – Quello che l’uomo chiama disastro, la natura chiama evoluzione”, intende approfondire il rapporto che lega l’acqua al territorio ed in particolare, la sua incidenza dal punto di vista geologico in fenomeni sempre più frequenti, quali frane ad alluvioni. Se volete passare una giornata ad EXPO ed assistere al nostro intervento nella data sopra indicata, Proteus mette a disposizione 30 ingressi gratuiti . Invitiamo gli insegnanti e i genitori interessati a segnalarci la propria presenza mandando una mail a info@assoproteus.it indicando nome cognome ed età delle persone interessate. Sarà nostra premura segnalarvi come procedere al ritiro delle gratuità.[sharify]